Tossina Botulinica - VistaBex - Azzalure - Bocouture (Botox)

Tossina Botulinica - Botox - Verona

Sorridere, piangere, gioire, soffrire. Ogni più piccola emozione si imprime sul volto fino a renderlo una sorta di mappa storica del nostro vissuto.

Anni di sguardi accigliati e fronte corrugata sgualciscono il tessuto epidermico, lasciando il viso segnato e invecchiato. Tanto più che spesso l'espressione che le rughe conferiscono al volto trasmettono false emozioni e stati d'animo. Un volto segnato troppo dalle rughe appare spento, a volte torvo o aggrottato, adirato o triste, insomma, non certo piacevole. Ma la paura di soluzioni troppo drastiche, invasive o costose scoraggia gran parte delle persone che almeno una volta hanno valutato la possibilità di ricorrere al chirurgo per ritrovare la freschezza del viso. Per questo negli Stati Uniti si nota un dato molto significativo: un uomo su cinque e una donna su tre in richiedono un trattamento con la tossina botulinica. Quello della tossina botulinica non è l'unico caso in cui un potente veleno viene adoperato come farmaco. Il curaro, a esempio, è utilizzato in pari maniera dagli indios del Sudamerica sulle punte delle frecce per paralizzare la preda e dai chirurghi di tutto il mondo in sala operatoria. Anche la fisiostigmina, utilizzata nei riti voodoo dell'Africa orientale, ha trovato il suo impiego in una serie di patologie neurologiche. II bobinino utilizzato in campo estetico è la forma purificata di una tossina prodotta dal batterio Clostridium botulinum. L'effetto dell'inoculazione della tossina impedisce temporaneamente la contrazione muscolare.
La tossina blocca la liberazione di acetilcolina, per inibire il contatto tra nervo e muscolo impedendo così gli spasmi muscolari eccessivi o viziati dall'abitudine di contrarre i muscoli facciali, che sono i maggiori responsabili delle rughe d'espressione. 
Tre famiglie di rughe tre sono le cause della formazione di altrettanti tipi di rughe:

  1. Prima causa ineluttabile delle rughe è l'età che provoca le cosiddette rughe gravitazionali. Queste compaiono quando le fibre elastiche delderma e i fasci di collagene non sono più in grado di contrastare la forza di gravità.
  2. Anche il sole con le radiazioni UV è responsabile dell'odiosa ragnatela sul volto, e precisamente di quelle rughe, dette attiniche che conferiscono alla pelle il tipico aspetto "a pergamena" e, nelle fasi più avanzate, "a tessuto sgualcito".
  3. Le rughe d'espressione, infine, sono le increspature che si formano sulla cute a causa delle contrazioni e dei movimenti ripetitivi dei muscoli mimici. Queste negli adolescenti compaiono solo con traendo i muscoli del viso e spariscono rilassandoli. Intorno ai trent'anni, invece cominciano a essere indelebili. È su questo tipo di rughe, che agisce il botulino. Le zone più interessate dalle rughe d'espressione sono la fronte, l'area tra le sopracciglia e l'angolo esterno degli occhi, dove si forma la raggiera di solchi che chiamiamo "zampe di gallina". 

Cos'è la tossina botulinica e il Botox

La TOSSINA BOTULINICA è una sostanza prodotta dal batterio Clostridium Botulinum.
Iniettata nei muscoli provoca il blocco del rilascio dell'acetilcolina che è la sostanza che viene rilasciata dai nervi per trasmettere al muscolo lo stimolo per la contrazione.

Quindi il muscolo nel quale la tossina viene iniettata si blocca (paralisi).

Il Botox è tossina botulinica purificata di tipo A che iniettata nei muscoli provoca un blocco colinergico, ovvero il blocco della produzione di acetilcolina, sostanza che trasmette l'impulso nervoso ai muscoli.
Quindi se iniettata nei muscoli mimici del viso provoca una riduzione dell’attività contrattile attenuando così le rughe d’espressione, provocate dalla contrazione dei muscoli in questione.
I prodotti autorizzati in Italia sono: VistaBex, Azzalure, Bocouture.

Il NEUROBLOC è invece tossina botulinica purificata di tipo B, i suoi effetti sono simili al Botox ®. 
 

Indicazioni per il trattamento con Botox - botulino

La tossina botulinica sicuramente può ridurre e attenuare le rughe di espressione che sono causate da un uso continuo dei muscoli mimici della fronte, corrugare le sopracciglia o arricciare il naso, o avere un’espressione sempre corrucciata e preoccupata.

Ricordiamo che il botulino può correggere soltanto le rughe e i solchi causati dall'azione dei muscoli mimici e non se sono provocati dall' invecchiamento cutaneo (fotoinvecchiamento cutaneo) o se sono rughe molto profonde.
In questi casi il Botox può essere associato ad altri trattamenti chirurgici e non quali fillers (Collagene, Acido ialuronico), peeling, lifting, blefaroplastica, trattamenti laser skin resurfacing.

Con il Botox possono essere trattati i seguenti inestetismi e patologie:

  • rughe frontali (rughe orizzontali della fronte)
  • rughe interciliari
  • rughe delle labbra (intorno alla bocca)
  • rughe e solchi glabellari (tra le sopracciglia)
  • zampe di gallina (rughe intorno agli occhi)
  • rughe di espressione
  • ringiovanimento del viso ad effetto lifting
  • iperidrosi
  • cefalee croniche da tensione
  • strabismo
  • blefarospasmo
  • distonia cervicale
  • spasmo dello sfintere anale
  • disturbi della deglutizione
  • spasmo muscolare da paralisi cerebrale
  • disordini del movimento (spasticità)

Come si esegue un trattamento con Botox?

Il trattamento con il botulino è ambulatoriale, senza ricovero e senza anestesia, e dura circa 15-20 minuti.
La tossina botulinica viene iniettata con una piccola siringa in moderata quantità all’interno dei muscoli mimici, ovvero di quelli da cui si originano le rughe d’espressione da eliminare.

Effetti collaterali e controindicazioni al Botox 

Il Botox o botulino prodotto, è ampiamente sperimentato da molti anni in campo oculistico e nel campo della medicina estetica, e non vi sono particolari controindicazioni o complicanze.
Sono molto rare le reazioni allergiche, e si consiglia di non effettuare trattamenti in gravidanza, o in pazienti con neuromuscolari.
Raramente vi può essere una ptosi o abbassamento della palpebra superiore, della durata di 3-4 settimane e quindi reversibile.

Cosa accade appena dopo il trattamento con la tossina botulinica

Il viso dopo l’infiltrazione si presenta leggermente arrossato dove è stata effettuata l'iniezione di Botox , ma per pochi minuti.
Occasionalmente vi può essere un livido che però tende a riassorbirsi in pochi giorni.
Possono essere presenti solamente dei leggeri bruciori per i primi due giorni.

E' possibile iniziare a truccarsi già dopo 10 minuti dall’infiltrazione di botulino, e ci si potrà esporre al sole dopo circa dieci giorni. La ripresa di tutte le normali attività è immediata.
 

Durata dei risultati del Botox (appartiene alla categoria dei trattamenti non permanenti)

Le infiltrazioni di Botox cominciano a dare risultati apprezzabili dopo 2-5 giorni dal trattamento, con il rilassamento del muscolo corrugatore, e raggiungono dopo un mese la massima efficacia.
I risultati durano per altri 4-5 mesi, e poi scompaiono gradualmente, questo periodo varia da persona a persona.