Biorivitalizzazione - Biostimolazione - Ringiovanimento non chirurgico

Biorivitalizzazione - Biostimolazione - Ringiovanimento non chirurgico

Per ringiovanire la pelle del viso senza bisturi si può ricorrere ai Peeling chimici, Sostanze Rivitalizzanti oppure al Laser. Questi trattamenti dermo-estetici eliminano le rughe sottili, le cicatrici da acne e le discromie della pelle.

Per una terapia integrata, atta a provocare uno stimolo alla produzione di neo-collagene e accellerare il ricambio cellulare.
Un vero e proprio face building cosmetico.

Il biolifting

Correzione e biorivitalizzazione del viso:
In fatto di pelle, si sa, non siamo tutti uguali. C’è chi l’ha secca e chi grassa, chi robusta e chi delicata, chi fotosensibile e chi subito abbronzabile.
Tale tipologia epidermica muta poi in una stessa persona a seconda delle diverse fasi del ciclo biologico naturale: più untuosa nel periodo adolescenziale, più arida in meno pausa e in regime di dieta ipocalorica, più sciupata sotto stress o in periodi di insonnia.
Conoscere la propria pelle, i suoi punti deboli e le sue esigenze è la base di ogni scelta terapeutica nonché il presupposto imprescindibile per difendere l’equilibrio e il benessere dell’epidermide.
Con il passare degli anni la pelle del viso tende inevitabilmente a divenire più spessa e priva di luminosità perché i processi cellulari del tessuto cutaneo mutano, la circolazione sanguigna rallenta, il metabolismo della melanina si altera. Il turn over cellulare, che normalmente si svolge all’incirca in 28 giorni, subisce un progressivo rallentamento. E non c’è da meravigliarsi per la presenza di reticoli di rughe, solchi naso-labiali, increspature, aloni scuri e gonfiori.
La moderna ricerca medico-estetica, grazie ad un’inedita formula anti-aging dal potere ristrutturante, è in grado di contrastare i precoci “taches de l’age”.


Acido Ialuronico

L'acido ialuronico è una sostanza assolutamente naturale e bio-interattiva, identico cioè a quello già presente nei tessuti in quanto parte integrante della matrice dermica, che con il naturale processo di invecchiamento cutaneo ne ha subito un costante e considerevole decremento.
Non dimentichiamo che è proprio questa sostanza a dare compattezza ai contorni del nostro profilo, a stimolare il formarsi di nuovo collagene endogeno, a migliorare la coesione di cellule epidermiche e a contrastare l’azione invecchiante dei radicali liberi. Obiettivi facilmente raggiungibili solo se essa è presente nei tessuti in elevata concentrazione. Infiltrato con tecniche miste l’acido ialuronico consente, nell’immediato, un visibile miglioramento dell’aspetto esteriore e, nel tempo, è capace di contrattaccare su tutti i fronti la formazione delle cosiddette “ collane di Venere ” e di lavorare in sinergia con le mirate specialità cosmetiche di routine per zone a massimo rischio aging.
Inoltre, essendo esso idoneo a distribuirsi in maniera omogenea e uniforme nel derma, condizione indispensabile per ricreare le condizioni fisiologiche ideali, si rivela ottimale nel trattamento delle labbra, rughe sottili e profonde (nasolabiali, geniere, glabellari, periorali e perioculari), solchi e cicatrici, collo e del decolletè.

L’aspetto giovane del viso, infatti, dipende molto dalla tonicità di queste zone estremamente vulnerabili, continuamente sollecitate dall’intensa attività dei muscoli mimici e dagli agenti atmosferici, che lasciano impronte precise.
Perché il programma di "biorivitalizzazione", che a seconda dei casi può essere “preventivo” o “restitutivo”, abbia risultati facilmente apprezzabili è necessario programmare due o tre sedute iniziali a breve distanza l’una dall’altra (10/20 gg.).
Per mantenere poi i benefici così ottenuti durevoli nel tempo è opportuno prevedere un nuovo ciclo applicativo di mantenimento a distanza di 2-3 mesi.

Studi sulla persistenza mostrano che dopo 12 settimane circa l´80 % delle zone del viso trattate presenta una correzione moderata o più che moderata; dopo 24 settimane, più della meta delle zone del viso trattate mantiene una correzione moderata o più che moderata. In alcuni pazienti, l´effetto di correzione persiste a 52 settimane dal trattamento, con una durata media dell´effetto di circa 24 settimane. La necessità di ulteriori correzioni può variare da caso a caso e dipende da una serie di fattori, come la zona anatomica e l´eziologia della deficienza cutanea o la tecnica d´impianto.
Non sono stati evidenziati segni di reazioni di ipersensibilità acuta o cronica. In alcuni pazienti si sono verificate piccole reazioni localizzate e temporanee nella zona d iniezione. Queste sono da considerarsi reazioni normali e possibili, sono state tutte di breve durata e si sono risolte senza complicazioni. L incidenza di reazioni come eritema prolungato gonfiore o formazione di ematomi e stata inferiore del 2%.
Emorragie ed ecchimosi si verificano raramente. Pazienti con disturbi emorragici e/o di coagulazione, o che sono sotto terapia anticoagulante corrono maggiori rischi per questo tipo di complicazioni. 
 

Rivitalizzazione con Fattori Piastrinici PRP - PRGF

Il trattamento con plasma ricco di fattori di crescita (PRGF) è una tecnica innovativa per il ringiovanimento cutaneo. Le piastrine sono piccole porzioni di cellula che circolano nel sangue e hanno tra le tante funzioni quella di innescare il processo di riparazione e di ricrescita delle cellule danneggiate (ossa, pelle, ecc.) grazie al rilascio di un’elevata quantità di fattori di crescita. Appena un tessuto viene danneggiato, con il sangue arrivano le piastrine che vengono attivate da vari fattori chimici naturali e stimolano le cellule dell’organo danneggiato a ripararsi: le ferite si rimarginano, le ossa si ricompongono, e così via. Quando il tessuto danneggiato è riparato la stimolazione delle piastrine si esaurisce e il processo si ferma. Approfondisci...